Il perdono — Workshop pomeridiano sabato 7 febbraio 2015 a Genova

Il perdono«IL PERDONO»
con
Bernard Rouch

La nostra vita è fatta sempre più di scambi interpersonali. I mezzi di comunicazione si sono moltiplicati. Eppure ci sono sempre più incomprensioni, «qui pro quo» che creano malumori e tensioni. Se non vengono sciolti, questi nodi fanno si che con il tempo ci allontaniamo gli uni dagli altri. Ecco perché la solitudine sta aumentando nelle nostre città.

Se rimaniamo nel nostro dolore, la ferita può restare a lungo, per anni, appesantendo i nostri cuori. Le nostre relazioni, sono come il nostro stesso corpo e per mantenersi in vita hanno bisogno di sanare le ferite.

Ecco la ragione d’essere del perdono. È una guarigione dell’anima in profondità. Chiaramente, parliamo del vero perdono quello del cuore. Per molti, viene vissuto come una debolezza, eppure è più coraggioso della lotta ed è il trionfo dell’amore sull’orgoglio.

Saper perdonare significa sapere chiudere un cerchio. Sapere girare la pagina per rinnovare una relazione. I sospesi sono una carica che inquina i nostri rapporti umani. Se non vengono elaborati man mano, possono uscire fuori  in modo esplosivo, irruente complicando molto le cose.

Quando si parla di perdono, si pensa automaticamente a perdonare l’altro, dimenticando una tappa indispensabile del processo : il perdono a se stesso. Per questo è essenziale uscire dell’accusa all’altro e vedere che ogni situazione di conflitto è creata da ambo le parti.

Questo incontro sarà accompagnato da diversi esercizi pratici di modo da accompagnarci a ritrovare una più grande pace interiore. Lo scopo è di passare dal perdono di testa al perdono di cuore per sciogliere i vecchi nodi che di continuo vengono al pettine.
da h.14,30 a h.19,30, con break intermedio
c/o Bi.Bi. Service – via XX Settembre, 41 — 3° piano
di fronte al Palazzo della Borsa
Per prenotazioni ed informazioni: 377 2734452 (Anna da h.15 a h.21)

Запись опубликована в рубрике Конференции. Добавьте в закладки постоянную ссылку.

Добавить комментарий

Ваш e-mail не будет опубликован. Обязательные поля помечены *